3

ANTICIPARE L’ETÀ DEL PRIMO PARTO MIGLIORA LA REDDITIVITÀ AZIENDALE

I risultati di una indagine condotta su oltre 2.000 allevamenti lombardi ha evidenziato che l’anticipo di due mesi dell’età di primo parto per le manze consente un risparmio medio a stalla sui costi alimentari di oltre 4 mila euro.
Considerando infatti che secondo l’indagine SATA nell’azienda media si hanno 52,8 parti di primipare all’anno anticipandoli di soli due mesi, obiettivo raggiungibile nella maggioranza delle realtà produttive, si otterrebbe una minor spesa alimentare pari a 4.752 euro/azienda, un valore ottenuto moltiplicando un costo teorico alimentare di 1,5 euro/capo/giorno per il numero medio di primipare, vale a dire 52,8, per 60 giorni.
Analogamente, essendo il quantitativo di liquame prodotto da una manza in un allevamento con stabulazione coperta di circa 27 kg/capo/giorno, moltiplicato per la numerosità e il periodo, comporta un totale di 85,5 tonnellate di minor produzione. Inoltre, se il primo parto avvenisse sempre a 25 mesi e non a 27 si otterrebbe una riduzione del ciclo riproduttivo pari all’8%, con una relativa diminuzione del fabbisogno di spazio strutturale determinata da una presenza media in stalla più ridotta.
Fonte: Stalle da latte

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Tutti i dettagli relativi l'utilizzo dei cookie sono consultabili al seguente link

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi