Integrazione con selenio e effetti sulla salute della mammella

La mastite nelle vacche da latte è un’altra di quelle patologie che colpisce le bovine nel post parto, con conseguenze importanti sull’economia della stalla e sulla salute dell’animale stesso.

Questo studio valuta gli effetti dell’integrazione con selenio per combattere questa patologia.

Effetto della supplementazione del selenio sul conteggio delle cellule somatiche nei bovini da latte

Una Systematic Review e Meta-analisis dell’effetto della supplementazione del  selenio sul conteggio delle cellule somatiche nei bovini da latte

Introduzione: la mastite bovina

La mastite bovina è una condizione che colpisce la salute delle bovine da latte con un notevole impatto sul benessere e sui costi dell’allevamento (Grohn et al. 2004). Lo squilibrio nutrizionale ha acquisito notevole importanza come maggiore fattore di rischio per la mastite (Smith, Hogan e Weiss, 1997). In particolare il selenio (Se), un oligoelemento essenziale, è stato studiato a causa della forte attività antiossidante prodotta dall’enzima glutatione perossidasi (GPx) di cui è una componente principale. Di conseguenza, attraverso il percorso fisiologico coinvolto nella prevenzione del danno ossidativo delle cellule grazie alle specie ossigeno reattivo (ROS) e specie reattive derivate dall’azoto, l’effetto del selenio è stato correlato alla riduzione del rischio di nuove infezioni intramammarie (IMI) e alla riduzione delle cellule somatiche (SCC) (Kruze et al. 2007). Tuttavia, risultati sperimentali contraddittori sono stati trovati in relazione a questa questione, lasciando il problema ancora senza risposta. L’obiettivo di questo studio è stato eseguire una revisione sistematica e una meta-analisi degli effetti della supplementazione di Se sulla SCC nei bovini da latte.

Metodi dello studio

Una ricerca elettronica della letteratura è stata eseguita in Cab Direct, Medline (Vía Pubmed) e Science Direct. Le parole chiave includevano termini e sinonimi principali combinati usando operatori booleani e “truncators”. I criteri di idoneità per le relazioni erano l’inclusione di qualsiasi forma di integrazione di selenio, l’assenza del trattamento antibiotico adiuvante e la disponibilità di un gruppo di controllo non integrato. Sono state considerate solo prove pubblicate tra gennaio 1970 e aprile 2016, in lingua inglese, spagnola, portoghese, francese e italiana. È stata fornita una descrizione dei report inclusi. I dati numerici sono stati raccolti in Epidata Entry Versione 3.3 (Odense, Danimarca) e analizzati nella versione STATA 14® (StataCorp USA). Quando più di due gruppi di prova sono stati inclusi nello stesso report il confronto a coppie è stato ottenuto eguagliando ogni gruppo di trattamento con lo stesso gruppo di controllo negativo; quindi ogni confronto è stato considerato uno studio. La stima sommaria per SCC era la differenza media (MD) e il suo IC al 95%, ed era inclusa nella metanalisi nella sua forma di logaritmo naturale (Ln). La qualità delle relazioni è stata valutata attraverso un adattamento della dichiarazione REFLECT e dallo strumento Cochrane per il rischio di distorsione (The Cochrane Collaboration, 2011; Sargeant et al., 2010).

Risultati sull’integrazione di selenio

Attraverso ricerche elettroniche sono stati identificati 262 record, di cui 250 sono stati analizzati nel titolo e nell’abstract, 34 sono stati raggiunti in full text per la verifica dell’ammissibilità e, infine, 9 report sono stati inclusi, fornendo dati di 47 confronti (studi) relativi alla valutazione della SCC. Ventisette studi sono stati condotti a livello di vacca, il resto a livello di quarto. Selenito di sodio e bario selenato erano le fonti più comuni di integrazione. Una differenza significativa tra il gruppo integrato e non integrato è stata trovata per LnSCC nella meta-analisi (MD = -0,14 [IC al 95%: -0,23 – -0,04]). Dopo aver stratificato per il livello di analisi, la differenza è rimasta statisticamente significativa, MD = -0,20 [IC al 95%: -0,35 – -0,04] ​​e MD = -0,12 [IC al 95%: -0,23 – -0,01] rispettivamente a livello di quarto e vacca. L’integrazione di selenio può essere coinvolta in un effetto benefico sulla mastite, non solo per le sue proprietà antiossidanti, ma anche per il suo ruolo sul sistema immunitario di modulazione della risposta immunitaria e per il suo impatto nel processo infiammatorio, che può in parte spiegare la sua parte nella risposta organica e il conseguente effetto nel riduzione di SCC (Kruze et al., 2007). La qualità dei report inclusi può essere valutata come moderata. I problemi principali erano correlati ai metodi non chiari per la generazione di sequenze casuali e l’occultamento dell’allocazione, che possono essere in relazione ai pregiudizi (biases) della selezione. L’identificazione dei bias è importante in una revisione sistematica e meta-analisi; occorre prestare particolare attenzione per indicare esplicitamente i metodi per la selezione della popolazione di prova e, in tal modo, migliorare la qualità delle evidenze (The Cochrane Collaborazione, 2011).

Conclusione: il selenio e il suo impatto sulla salute della mammella

La supplementazione di selenio delle vacche da latte comporta una LnSCC media inferiore rispetto alla non integrazione. L’effetto è visibile quando si analizzano le informazioni sulla bovina e a livello di quarto. Secondo i risultati, l’integrazione di selenio delle vacche da latte dovrebbe essere considerata come un’opzione per il suo impatto sulla salute della mammella nella produzione del latte bovino.

Fonte: Ruminantia

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Tutti i dettagli relativi l'utilizzo dei cookie sono consultabili al seguente link

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi