Quali animali possono ammalarsi di Coronavirus?

Quali dei nostri animali sono sensibili all’infezione da Coronavirus? Scopriamolo leggendo questo articolo.

I suini non sono sensibili all’infezione da SARS-CoV-2

Risultati sull’infezione in suini, polli, pipistrelli e furetti diverse settimane fa. I primi risultati di uno studio del Friedrich-Loeffler-Institut (FLI) mostrano che pipistrelli e furetti sono sensibili all’infezione da SARS-CoV-2, mentre non lo sono i suini e i polli.

Gli animali da allevamento sono in stretto contatto con l’uomo, motivo per cui, dalla FLI, la suscettibilità alla SARS-CoV-2 è stata studiata nei suini e nei polli. È stato esaminato se gli animali si infettavano, se il patogeno si replica e se gli animali mostrano sintomi della malattia.

In condizioni sperimentali, né i suini né i polli erano sensibili all’infezione da SARS-CoV-2. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, non sono interessati dal virus e pertanto non rappresentano un rischio potenziale per la salute umana. La valutazione completa di tutte le serie di test richiederà del tempo e i risultati finali sono previsti per l’inizio di maggio.

In particolare per quanto riguarda i furetti, la loro suscettibilità al virus è considerata una scoperta importante poiché potrebbe essere utilizzata come modello per l’infezione umana e per testare vaccini o farmaci.

Fonte: www.3tre3.it

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Tutti i dettagli relativi l'utilizzo dei cookie sono consultabili al seguente link

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi